Le grandi quinte arboree

I Prati Burovich

Le "stanze" che racchiudono i prati

I prati Burovich sono prati stabili, cioè da secoli non sono coltivati; in questo modo custodiscono essenze anche rare, che l'agricoltura moderna ha sacrificato in nome della produzione, mentre lungo le Vie dell'Abbazia ha prevalso una visione e una logica diversa.

Il complesso dei prati Burovich, dal nome degli ultimi proprietari, rappresenta una testimonianza delle sistemazioni agrarie tra ‘700 e ‘ 800. Sulla sinistra del fiume Reghena, pezze allineate e contigue a prati stabili, larghe una trentina di metri si allungano formando grosse fasce verdi, unite dalle alberate che fiancheggiano i fossati. Proprio in questi prati prende vita un sentiero che si trasforma in passerella, dapprima attraversa e poi costeggia questo comprensorio di una decina d’ettari, un fantastico “complesso architettonico vegetale”. Info tratte dal sito della Pro Sesto

I percorsi

I prati Burovich sono la prima tappa dell'Itinerario 1. Anzi, più che una singola tappa, sono un microcosmo da attraversare, a piedi o in bicicletta, e che rivela, ad ogni stagione, nuovi colori e nuovi scorci.

"Gli alberi sono quelli tipici del luogo: olmi, farnie, aceri, gelsi, carpini, che offrono un habitat ad una variegata avifauna, a scoiattoli, e ogni tanto veloci apparizioni di volpi. Negli spazi dove non vi sono i grossi esemplari arborei già citati, troviamo una complessa vegetazione arbustiva, che comprende;il nocciolo, il biancospino, il corniolo, la rosa selvatica, il prugnolo, e le siepi d’aceri".  Info tratte dal sito della Pro Sesto

I luoghi

Mappa

© 2022 Le Vie dell'Abbazia